Transizione 4.0

IL PIANO INDUSTRIA 4.0 

 

Il pacchetto Industria 4.0 è stato pensato per accompagnare il tessuto imprenditoriale italiano a quella che viene definita la quarta rivoluzione industriale.

L’Italia è da alcuni anni che si è dotata del Piano Industria 4.0, gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, che prevede una serie di incentivi ed agevolazioni sugli investimenti, sia su beni strumentali che sul capitale umano.

 

IL PIANO TRANSIZIONE 4.0

 

Il Piano Transizione 4.0 è la nuova politica industriale del Paese, più inclusiva e attenta alla sostenibilità.

In particolare, il Piano prevede una maggiore attenzione all’innovazione, agli investimenti green e per le attività di design e ideazione estetica. Inoltre si sono rivisti alcuni meccanismi e caratteristiche delle misure e agevolazioni.

 

LE PRINCIPALI MISURE

 

  • Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali
  • Credito d’imposta ricerca, sviluppo, innovazione e design
  • Credito d’imposta formazione 4.0

 

 

CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

 

COS’È:

È una misura che intende supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

 

SOGGETTI BENEFICIARI:

Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.

Il credito d’imposta del 6% per gli investimenti in altri beni strumentali materiali è riconosciuto anche agli esercenti arti e professioni.

 

VIGENZA:

Dal 16.11.2020 al 31.12.2022

 

ALIQUOTA:

–        Credito d’imposta del 50% per i beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati – Allegato  A (Dal 1° gennaio 2022 l’aliquota tornerà al 40%).

–        Credito d’imposta del 20% per i beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 – Allegato B.

–        Credito d’imposta del 10% per gli altri beni strumentali materiali diversi da quelli ricompresi nell’allegato A.

 

COME FUNZIONA:

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in 3 quote annuali di pari importo.

 

 

CREDITO D’IMPOSTA RICERCA, SVILUPPO, INNOVAZIONE E DESIGN

 

COS’È:

È una misura che intende stimolare la spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione tecnologica per sostenere la competitività delle imprese e favorire i processi di transizione digitale e nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.

 

SOGGETTI BENEFICIARI:

Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.

 

VIGENZA:

Dal 01.01.2020 al 31.12.2022

 

ALIQUOTA:

–        Attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo tecnologico e scientifico – 12 % delle spese agevolabili

–        Attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati – 10% delle spese agevolabili

–        Attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0 – 15% delle spese agevolabili

–        Attività di design e ideazione estetica per la concezione e realizzazione di nuovi prodotti e campionari nei settori tesile e della moda, calzaturiero, dell’occhialeria, orafo, del mobile e dell’arredo e della ceramica…– 10%

 

COME FUNZIONA:

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in 3 quote annuali di pari importo.

 

 

CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

 

COS’È:

È un incentivo finalizzato a supportare l’acquisizione di competenze sulle tecnologie 4.0, rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese. 

 

Il credito d’imposta può essere fruito dalle imprese per corsi di formazione su tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, quali:

a) big data e analisi dei dati;

b) cloud e fog computing;

c) cyber security;

d) simulazione e sistemi cyber-fisici;

e) prototipazione rapida;

f) sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);

g) robotica avanzata e collaborativa;

h) interfaccia uomo macchina;

i) manifattura additiva (o stampa tridimensionale);

l) internet delle cose e delle macchine;

m) integrazione digitale dei processi aziendali.

 

Le spese ammissibili sono:

–        spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;

–        costi di esercizio per formatori e partecipanti direttamente connessi al progetto di formazione, quali spese di viaggio, materiali e forniture;

–        costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;

–        spese di personale relative ai partecipanti per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

SOGGETTI BENEFICIARI:

Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.

 

VIGENZA:

Dal 01.01.2020 al 31.12.2022

 

ALIQUOTA:

–        Piccola impresa – 50%

–        Media impresa – 40%

–        Grande impresa – 30%

 

COME FUNZIONA:

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in 1 sola quota a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.

 

Per saperne di più, visita la pagina dedicata: Credito d’imposta formazione 4.0