AZIONE 3.1.1 B CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGGREGATE DEL SETTORE COMMERCIO

DGR n. 623 del 2019

Con il presente bando, la Regione Veneto intende rilanciare la propensione agli investimenti del sistema produttivo nei settori del commercio, della somministrazione e dei servizi, mediante forme aggregative di piccole e medie imprese (PMI) che sviluppano un progetto strategico comune, finalizzato ad accrescere l’attrattività e la competitività delle imprese commerciali, l’innovazione dei sistemi di offerta commerciale, la valorizzazione e promozione delle eccellenze commerciali, enogastronomiche e storiche locali.

LOCALIZZAZIONE

L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato e localizzato nel territorio della Regione del Veneto. Quando alla presentazione della domanda la sede di realizzazione del progetto non è ancora definita, si può indicare una sede presunta.

BENEFICIARI

Possono essere beneficiari del sostegno, per il tramite del Capofila, le Piccole e Medie Imprese (PMI), riunite in forma aggregata attraverso la sottoscrizione dell’Accordo di Partenariato allegato al Bando, che al momento della presentazione della domanda siano già costituite e posseggano codice ISTAT ATECO 2007 compreso nell’elenco allegato al bando.

PARTENARIATO

Il partenariato deve avere una composizione minima di n. 3 imprese. Il numero minimo di imprese aderenti all’aggregazione dovrà essere mantenuto sino al triennio successivo all’erogazione del saldo del sostegno. Le imprese costituenti l’Accordo di Partenariato devono essere tra loro autonome.

Ciascuna impresa può partecipare solo ad una aggregazione.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Gli interventi che possono essere finanziati tramite il presente Bando sono finalizzati allo sviluppo e alla valorizzazione dell’offerta commerciale territoriale attraverso l’ammodernamento tecnologico di macchinari e attrezzature ed investimenti in beni intangibili e per il sostegno all’accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, anche mediante l’impiego di tecnologie ICT. Tali interventi mirano:

-       alla promozione di eccellenze commerciali, enogastronomiche, della somministrazione e della ristorazione di qualità e delle filiere territoriali di qualità

-       all’innovazione dei sistemi di offerta commerciale

-       alla promozione e accoglienza attraverso la realizzazione di infopoint innovativi

-       alla realizzazione e estensione/potenziamento di reti e spazi wi-fi

-       alla riqualificazione della rete distributiva

-       alla sostenibilità ambientale.

SPESE AMMISSIBILI

-       Macchinari, attrezzature, hardware e software

-       Cicli, ciclomotori e motocicli elettriciper l’utilizzo strettamente correlato alla tipologia di attività esercitata

-       Spese di assistenza tecnico-specialistica

Le spese ammissibili devono essere strettamente funzionali e necessarie all’attività dell’aggregazione, nonché volte al raggiungimento delle finalità e degli obiettivi indicati nel Bando. Non sono ammissibili le spese effettuate in data anteriore al termine previsto per la presentazione della domanda.

SOSTEGNO

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto pari al 50%dell’ammontare delle spese ammissibili, nel limite massimo di contributo pari ad euro 150.000,00.

Tutti le imprese aderenti all’aggregazione devono partecipare al progetto e la soglia minima di partecipazione alle spese del progetto di ognuna deve essere pari ad almeno 10.000,00 euro. L’intero progetto quindi, dovrà prevedere, per singola aggregazione, una dimensione minima di investimento pari ad almeno 30.000,00 euro ed una soglia massima ammissibile pari ad euro 300.000,00.

SCADENZA

Il termine per la presentazione della domanda di sostegno è il 31 luglio 2019.

 

Scarica la scheda informativa del bando per le imprese aggregate del settore commercio.

Scarica la versione integrale del bando.

Scarica l’elenco dei codici ATECO ammessi.